Che cos’è l’ISEE

L’ISEE

ISEE è l’indicatore che serve per valutare la situazione economica dei nuclei familiari da utilizzare per l’accesso alle prestazioni sociali e sociosanitarie erogate dai vari Enti erogatori e costituisce livello essenziale.

DOCUMENTI UTILI:

1. Codice fiscale ti tutti i componenti il nucleo familiare, compreso i minorenni.

2. Stato di famiglia

3. Documento di riconoscimento in corso di validità

Documenti situazioni particolari:

1. Certificazione attestante il grado di invalidità permanente o altri tipi di minorazioni dei componenti il nucleo familiare

2. Decreto di affidamento preadottivo o di adozione senza affidamento rilasciato dal Tribunale

3. Contratto di affitto con estremi della registrazione

4. Ricevuta pagamento affitto ultimo mese pagato

SITUAZIONE REDDITUALE:

1. Ultima dichiarazione IRPEF (Mod. 730 o Mod. UNICO) oppure Mod. CUD rilasciato dal datore di lavoro come sostituto di imposta di tutti i componenti il nucleo familiare che hanno percepito redditi;

2. Documentazione relativa ai redditi percepiti per lavoro prestato in zone di frontiera;

3. Certificazione o altra documentazione relativa ai redditi da collaborazioni coordinate e continuative nel caso non venga presentata dichiarazione IRPEF;

4. Dichiarazione IRAP allegata al Mod. UNICO per i produttori agricoli titolari di partita IVA.

SITUAZIONE PATRIMONIALE MOBILIARE:

1. Estratto del conto corrente bancario e/o postale alla data del 31 dicembre dell’anno precedente (intestato al richiedente, ai componenti del nucleo familiare e ai soggetti considerati a carico IRPEF), anche in caso di cointestazione con persone di un diverso nucleo familiare.

2. “Posizione titoli” al 31 dicembre dell’anno precedente (anche in caso di cointestazione con persone di un diverso nucleo familiare), rilasciata dalla banca o da altro ente gestore mobiliare in caso di possesso di titoli di stato, obbligazioni, certificati di deposito e credito, buoni fruttiferi e assimilati, azioni quotate, fondi comuni. La documentazione deve riportare la somma complessiva posseduta al 31 dicembre dell’anno precedente.

3. Documentazione della banca o di altro ente gestore mobiliare in caso di possesso di azioni in società italiane ed estere o di deposito presso enti deputati alla raccolta di prestito sociale.

4. Contratti di assicurazione sulla vita stipulati e liquidabili al 31 dicembre dell’anno precedente e contratti di capitalizzazione per il richiedente, per i componenti del nucleo familiare e per i soggetti considerati a carico IRPEF. La documentazione deve riportare la somma

complessivamente versata 31 dicembre dell’anno precedente.

5. I codici CAB – ABI di ogni banca o di ogni altro ente gestore mobiliare.

6. Ultimo Bilancio della Società in caso di possesso di partecipazioni azionarie in società non

quotate e partecipazioni in società non azionarie (es. Srl, Snc), anche in caso di cointestazione con

persone di un diverso nucleo familiare.

7. Bilancio dell’impresa: ultimo bilancio approvato in caso di gestione di impresa individuale.

8. Dichiarazione ICI (con valori aggiornati) riferita a ogni singola proprietà (modulo completo e non bollettini di versamento) per i possessori, alla data del 31 dicembre dell’anno precedente, di terreni, aree fabbricabili e fabbricati;

9. Documentazione attestante la concessione di un mutuo (per l’acquisto o la costruzione del bene) con l’indicazione della quota capitale residua al 31 dicembre dell’anno precedente (verificare con la banca l’eventuale suddivisione tra appartamento e pertinenze).

Sportello Casa&Condominio                                                                                                                                                                                                                                                      Salerno- Sabatino Ferrara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *